Dolomiti di Brenta

Grazie alla loro straordinaria bellezza paesaggistica e alla loro importanza a livello geologico e geomorfologico le Dolomiti di Brenta hanno ricevuto il riconoscimento di patrimonio naturale dell’umanità e sono state iscritte dal 2009 nella lista dei Beni dell’ Unesco.

00-MdC Dolomiti di Brenta 3

Il nuovo patrimonio naturale dell’umanità è composto da nove sistemi montuosi dolomitici estesi su 142mila ettari suddivisi in 5 Province: Trento, Bolzano, Belluno, Pordenone, Udine.

Le Dolomiti di Brenta , situate nella parte più occidentale dell’area dolomitica, coprono una superficie di 11.135 ettari delimitata a ovest dalle valli Giudicarie, a est dalla Val di Non e a nord dalla Val di Sole. Possono essere distinte in 4 gruppi principali: quello meridionale, con la Cima Tosa, la più alta vetta del gruppo (3.173 m); quello centrale, con la cima Brenta (3.150 m) e l’imponente massiccio del Grosté; quello settentrionale con la Pietra Grande e il Sasso Rosso; e quello della Campa con il Monte  Corona. Tra tutte le cime, il Campanil Basso (2.883 m), è sicuramente il più noto soprattutto dagli appassionati di alpinismo.

L’intero gruppo del Brenta è compreso nel territorio del Parco Naturale Adamello Brenta.

 

Fonte: campigliodolomiti.it
Credits: APT Madonna di Campiglio Pinzolo Val Rendena